Carie ai denti: come prevenirle con i rimedi naturali

Le carie ai denti è un problema da non sottovalutare: se le trascurate, possono espandersi fino a distruggere il dente colpito

A tutti sarà capitato di dover ricorrere alle cure del dentista per risolvere il problema della carie ai denti. Una situazione che si verifica a causa della distruzione dei tessuti del dente da parte degli acidi determinati dalla placca batterica.

CONSEGUENZE – Un problema da non sottovalutare: se trascurate infatti, le carie possono espandersi fino a distruggere il dente colpito. Inizialmente i denti colpiti da carie appaiono ruvidi e opachi, successivamente quando viene colpita la dentina, compare il classico colore scuro a cui può far seguito una sensazione di dolore che si irradia fino ai tessuti circostanti. Tra le conseguenze della carie possono esserci una certa sensibilità delle gengive al caldo o al freddo e l’alitosi.

CAUSA DELLE CARIE – Ma quali sono i fattori alla base della formazione della carie ai denti? Non solo un consumo eccessivo di caramelle e cibi ricchi di zuccheri, tra le cause del problema potrebbe esserci anche una scarsa digestione.

COME PREVENIRE LA CARIE AI DENTI – La prevenzione è senza dubbio l’arma più efficace per contrastare la formazione della carie ai denti. È importante quindi avere una sana alimentazione e non trascurare l’igiene orale: bisognerebbe lavare i denti almeno tre volte al giorno. Ecco allora alcuni consigli utili per prevenire la carie:

  • Evitare i cibi particolarmente dolci e ridurre il numero di spuntini tra un pasto e l’altro in modo da impedire alla placca di produrre acidi in grado di attaccare i denti;
  • Ridurre il consumo di alimenti che possono provocare acidità come ad esempio cibi precotti, farine raffinate, zucchero bianco, grandi quantità di carni e formaggi e caffè;
  • Bere molta acqua;
  • Consumare alimenti con un elevato contenuto di calcio in grado di rafforzare i denti come ad esempio broccoli e mandorle;
  • Prevedere una visita dal dentista almeno una volta ogni sei mesi in modo da effettuare una pulizia dei denti ed evitare il rischio carie.

Fonte: Nonsprecare

Il dentista ha un ruolo importante per la società

All’Annual World Dental Congress a Bangkok, il dentista Patrick Hescot ha assunto ufficialmente la presidenza dell’FDI dal presidente in carica, la dott.ssa T.C. Wong. In questa intervista esclusiva ci ha parlato dell’evoluzione del ruolo dei dentisti e di quello che cercherà di realizzare durante il suo mandato biennale.

Dr. Hescot, come nuovo presidente dell’FDI qual è il primo messaggio che desidera condividere con i dentisti di tutto il mondo?
La prima cosa che vorrei dire è che l’FDI è una federazione di associazioni odontoiatriche. È stata creata dai dentisti e uno dei suoi principali obiettivi è quello di lavorare per conto loro e comunicare il loro punto di vista a livello internazionale, in particolare in seno alle Nazioni Unite e alle sue agenzie, come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Inoltre promuovere gli interessi degli odontoiatri e la loro responsabilità nei confronti della salute orale quando i soggetti del dibattito sono suscettibili di avere un impatto diretto sui dentisti e sulla loro capacità di svolgere il proprio lavoro in modo efficace.

Quali differenze importanti ha visto nella pratica odontoiatrica in questi ultimi anni?
Credo che le principali differenze debbano essere evidenti alle migliaia di persone che hanno partecipato alle mostre internazionali dell’FDI nel corso degli anni. L’uso della tecnologia avanzata, complessa e costosa è notevolmente aumentata nello studio dentistico – tutto a vantaggio del paziente. Infatti l’alta tecnologia è diventata parte integrante delle aspettative del paziente. Da questo punto di vista, il dentista è anche chiamato a diventare un super tecnico, aggiornando costantemente la propria esperienza alla luce delle nuove attrezzature. Questo, naturalmente, ha importanti implicazioni sulla formazione continua e sulle opportunità all’Annual World Dental Congresses.

Continua a leggere su Dental Tribune

Gengive sane, ecco le regole da seguire

gengive saneCirca 20 milioni di persone nel mondo soffrono di gengive dolenti, arrossate e infiammate, che sanguinano quando si spazzolano i denti. In pochi, però, si rendono conto della gravità del problema che potrebbe causare parodontite e, nella forma più grave, la perdita di denti.
Avere delle gengive sane è ormai una necessità non solo per la nostra salute fisica, ma anche per quella psicologica.

Ecco che allora, la Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), insieme alla European Federation of Periodontology (EFP), l’American Academy of Periodontology(AAP) e l’Asian Pacific Society of Periodontology (APSP) ha voluto dare delle linee guida sulla prevenzione.

REGOLE PER AVERE GENGIVE SANE

– Si parte dallo spazzolare i denti per almeno 4 minuti, possibilmente con spazzolini elettrici, migliori per gli esperti rispetto allo spazzolino manuale e al filo interdentale.

– Utile anche il collutorio, ma solo dietro consiglio del dentista.

– Inoltre, è necessaria una diagnosi precoce e periodiche visite di controllo.

– Fondamentale è anche smettere di fumare e scegliere dentifrici adeguati al problema.

Seguire queste linee permetterebbe un risparmio di un miliardo di euro, ai 3 milioni di italiani che spendono tale cifra per la cura ed il trattamento della patologia.

Non solo, Maurizio Tonetti, presidente SidP per la prevenzione indica un test semplice chiamato PSR (Periodontal Screening and Recording – Screening e registrazione della salute parodontale) e raccomandato da SIdP, per individuare chi soffre di parodontite. Il test comporta l’inserimento di una sonda nel solco gengivale che aiuta a comprendere il grado di infiammazione delle gengive. Dare attenzione al problema è fondamentale perchè la possibile perdita dei denti ha delle conseguenze disastrose sulla vita dei pazienti; che vedono un lento peggioramento dell’alimentazione e dello stato nutrizionale.

Sempre Tonetti spiega che La parodontite è un’infiammazione profonda delle gengive provocata dai batteri presenti nella placca dentale non adeguatamente rimossa con una corretta igiene orale. Purtroppo la maggioranza si allarma solo quando sente i denti muoversi e spostarsi, così la conseguenza, se la malattia non viene trattata adeguatamente e in tempo, e’ la perdita dei denti”.

DIETA ADATTA

Sempre l’esperto afferma che, per la salute delle gengive fondamentale è una dieta ricca di frutta e verdura fresca, che favoriscono una buona masticazione e permettono di mantenere le gengive sane.  Proprio per prestare maggiore attenzione alle conseguenze di malattie spesse sottovalutate, le società scientifiche mondiali hanno deciso di siglare e diffondere un documento che aiuta ad affrontare al meglio tutte le patologie cardiovascolari, il diabete, l’ictus e le infezioni respiratorie.

Fonte: Meteoweb